Menu Carrello
2
FAQ it

Raccolta CityPASS

Acquista il tuo Seattle cittadino

Il Chihuly Garden and Glass è l'ultima attrazione di Seattle da non perdere assolutamente

Dale Chihuly, originario del Pacifico nord-occidentale non avrebbe potuto scegliere posto migliore per la nuova imperdibile attrazione di Seattle, Chihuly Garden and Glass, inaugurata il 21 Maggio. Situata alla base dell'iconico Space Needle della Città Smeraldo,questa vasta e colorata collezione dei capolavori di Chihuly offre ai visitatori l'opportunità di ammirare le creazioni di diverse decadi della carriera dell'artista.

Onorato con un'anteprima, sono rimasto soddisfatto dall'ampiezza della mostra. Avevo già visto alcune delle opere di Chihuly di persona, come i suoi lampadari imponenti, sfarzosi e pendenti, ma ammirare una tale varietà di opere distribuite su una superficie di più di 6.000 m², tra interni ed esterni, è stato uno spettacolo mozzafiato. Anche vista dall'esterno, c'è abbastanza vetro colorato da illuminare una giornata grigia del Pacifico nordo-ccidentale, o da sfruttare come magnifico faro notturno.

Chihuly Garden and Glass è un'installazione a lungo termine, secondo la direttrice esecutiva dell'esposizione Michelle Bufano. Contiene 10 differenti esposizioni, un cinema che mostra la squadra di artisti di Chihuly all'opera, e un curioso bar che offre piatti locali serviti sui pezzi da collezione preferiti dall'artista.

Nato nel 1941 a Tacoma, Washington, il lavoro di Dale Chihuly è incluso in 225 collezioni museali in tutto il mondo e in speciali installazioni a Venezia, Gerusalemme, Londra e Chicago. La nuova collezione a Seattle mostra alcuni dei suoi lavori più famosi: Cylinders and Baskets degli anni '70; Seaforms, Macchia, Venetians and Persians degli anni '80; Niijima Floats and Chandeliers degli anni '90 e Fiori del 2000.

Le Gallerie

L'arte del vetro di Chihuly evoca ghiaccio, fuoco, spazio, natura e fantasia. Uno degli aspetti che ho apprezzato molto è la pianta dell'esposizione, in grado di sorprendere e abbagliare a ogni angolo.

I visitatori possono prenotare ingressi a orario programmato fino a 30 giorni in anticipo. Una volta all'interno, ai visitatori vengono offerti degli auricolari per l'ascolto di un commento audio gratuito della mostra utilizzando il telefono cellulare.

Il tour inizia con la "Glass Forest", una delle prime opere di Chihuly realizzata in collaborazione con l'artista Jamie Carpenter, lasciando cadere del vetro fuso da scale a libretto. Questa foresta di fili illuminati, con del neon scintillante all'interno, sembra sospesa sopra a del materiale riflettente nero, una caratteristica fondamentale in molte delle sue opere.

Passando nella sala nord-ovest, c'è un inaspettato distacco dai colori vivaci di Chihuly con una collezione di cestini da tabacco di color marrone fumé disposti attorno a cestini di nativi americani. Circondata da una collezione di fotografie di nativi americani di Edward Curtis, da coperte e da altri manufatti, la stanza è una testimonianza dell'amore di Chihuly per la regione e per la sua vita in una casa galleggiante sul Lake Union di Washington. Sinceramente, sono rimasto soddisfatto e sorpreso da quanto siano a portata di mano le opere e mi sono chiesto se ci saranno persone che le raccoglieranno o, peggio ancora, le rovesceranno. La direttrice delle pubbliche relazioni April Matson ha riso e mi ha risposto che hanno già ospitato senza alcun problema un gruppo di 300 scolari in visita per un'anteprima. Eppure, sarebbe una pessima idea lasciare il piccolo Johnny scorrazzare liberamente.

La Sealife Room mette in mostra una torre accecante che richiama un geyser oceanico pieno di creature marine. Superando un'altra curva, sono entrato nella Persian Ceiling Room, con opere impilate e illuminate dall'alto al fine di creare un paesaggio caleidoscopico su tutte e quattro le pareti.

Mille Fiori. Crediti fotografici: Deston Nokes.

Mille Fiori è un giardino scintillante di vetro allestito al buio che i visitatori (e questo scrittore) faranno fatica a descrivere per il suo fascino. Conduce gradualmente in un'altra stanza buia illuminata da barche piene di ikebana giapponesi.

I Macchia Flores ("fiori maculati" in italiano), sono delle grandi ciotole che proiettano un meraviglioso riflesso sui muri circostanti. La madre di Chihuly si riferisce a questa galleria come a "le brutte" perchè troppo sgargianti, ma io le ho trovate interessanti. Ancora una volta, l'illuminazione è un fattore importantissimo nell'impatto della galleria.

La Glass House è uno dei pezzi centrali della struttura. Riflette l'amore dell'artista per i giardini d'inverno ed è la sede di una delle più grandi sculture sospese di Chihuly. Lunga più di 30 metri, è una strabiliante esplosione di vetro persiano rosso, arancione, giallo e ambra, composta da oltre 1340 pezzi.

"Mi viene chiesto spesso se la scultura racchiuda le luci al suo interno, è così brillante, ma tutto viene ottenuto attraverso l'illuminazione esterna," ha dichiarato la Bufano. "Ci sono voluti letteralmente dei giorni per allestire correttamente l'illuminazione."

La collezione di fisarmoniche di Chihuly decora il Collection's Cafe. Crediti fotografici: Deston Nokes.

Nel Collection's Cafe, i visitatori possono godersi un ottimo pasto sotto la collezione di fisarmoniche di Chihuly sospesa al soffitto. Il menu offre ingredienti freschi del nord-ovest, dalle vongole e tranci di tonno in crosta di peperoni, agli hamburger, alle carni di maiale e ai ravioli ai pomodori secchi e formaggio di capra. Le sue collezioni, molte delle quali esposte sotto i tavoli in vetro, sono un divertente e bizzarro mix di rasoi antichi, ami da pesca, radio a transistor, pennelli da barba e giocattoli di stagno. Sulle pareti ci sono cavatappi d'epoca, opere in gesso colorate provenienti da festival e fiere degli anni '20 e '30, e altri oggetti curiosi. È meglio prenotare un tavolo in anticipo con Open Table poiché ospita solo 88 persone distribuite in 23 tavoli.

Da non perdere è il teatro, la cui programmazione comprende quattro cortometraggi da cinque minuti che descrivono il fuoco, il respiro, il movimento e la forza coinvolti nella creazione delle opere di Chihuly. A causa di una ferita alla spalla che patì alla fine degli anni '70, Chihuly non lavorò più come tecnico delle luci, preferendo agire come direttore di progetto. È grandioso poter vedere la sua squadra rievocare i suoi disegni.

The Garden of Glass

La parte che ho preferito è stata esplorare i giardini che circondavano la Glass House. Mescolati al paesaggio ci sono giunchi di vetro, piante e svariate sfere che riempiono il terreno che circonda opere che svettano alte e risultano visibili dall'ingresso. L'opera dominante è il Seattle Sun, alto quasi 5 metri, uno splendido groviglio tondeggiante, di colore giallo e arancione. Altre opere degne di nota sono le Rose Crystal and Green Icicle Towers.

"È un'esposizione incredibile da visitare anche durante la notte", ha detto la Bufano. "Non solo i giardini si trasformano, ma l'enorme lampadario della Glasshouse prende vita".

Come nella maggior parte delle gallerie, alla fine il percorso conduce a un negozio di libri/souvenir che vale la pena visitare anche solo per dare un'occhiata o per fare qualche acquisto. Ci sono tantissimi souvenir divertenti, ispirati agli oggetti da collezione dell'artista, oltre a souvenir di ottima qualità. Ci sono anche opere di Chihuly disponibili a un prezzo ovviamente più elevato.

Anche se l'ingresso al Chihuly Garden and Glass non è economico (19 dollari per i visitatori tra i 13 e i 64 anni), la mostra è uno spettacolo per gli occhi che difficilmente potrai trovare altrove.

Deston Nokes è uno scrittore di viaggi che vive a Portland, in Oregon.

(Crediti fotografici Dale Chihuly)